Archive | gennaio, 2013

Conversazioni Fotografiche – Francesco Zoppi

“De la Vache à la fontine”

09 -settembre -Francesco-Zoppi

_MG_4484-Edit

“Una calma surreale avvolge questi luoghi che resistono al mutare del tempo portando avanti con fierezza antiche tradizioni. Negli alpeggi e nelle stalle due sono gli attori protagonisti di una storia millenaria :l’uomo e gli animali utilizzati per la mungitura come le mucche.”

Poetico reportage su rituali rimasti immutabili nel tempo , tramandati però a immigrati, spesso nordafricani, per i quali l’insegnamento diventa patrimonio da usare per una vita migliore.

Conversazioni Fotografiche – Giovanna De Franchi

La consapevolezza del cielo

defranchi2

defranchi3

“Attraverso la fotografia all’infrarosso ho scoperto il paesaggio, poi … attraverso di esso le Nuvole”.

“Nuvole…continuano a passare, passeranno continuamente, in una sfilza discontinua di masse opache, come il prolungamento diffuso di un falso cielo disfatto.”
Ferdinando Pessoa

Giovanna De Franchi sa aspettare l’attimo giusto , quello che fissa e crea un paesaggio irripetibile ma destinato a rimanere nei nostri occhi attraverso le sue immagini.

Conversazioni Fotografiche – Andrea Facco

Panocreative

Panocreative

“Panocreative unisce le parole panoramica e creativa”

Lo sguardo dell’osservatore viene catalizzato in più direzioni dalla nitidezza di ogni dettaglio, e viene guidato dentro l’immagine ,  sviluppata in verticale, come un’ideale visitatore che si ritrova immerso nei colori saturi delle architetture, circondate dall’azzurro  del cielo o da intense nuvole.

WORKSHOP – Storia delle tecniche di stampa

Nel mese di maggio in data ancora da definire si terrà presso la Galleria SPAZIO23 il workshop “Storia delle tecniche di stampa”.

WORKSHOP
Storia delle tecniche di stampa
Dalla teoria alla dimostrazione pratica
a cura di Pietro Repetto e Roberto Montanari

DSC_1813

PROGRAMMA
Il workshop si propone di presentare le nozioni storico-tecniche alla base di alcuni dei primi procedimenti ottocenteschi di stampa fotografica attraverso introduzioni teoriche seguite da dimostrazioni pratiche di stampa.
Le tecniche individuate (carta salata, cianotipo, stampa bruna Van Dick e gomma bicromatata) sono rappresentative di tre grandi “famiglie” di procedimenti che sfruttano diverse reazioni fotochimiche: tecniche argentiche, tecniche ai sali di ferro, tecniche pigmentarie o ai bicromati alcalini.
Nella presentazione dei tre procedimenti saranno descritte le modalità di formazione dell’immagine fotografica, i materiali utilizzati e le interazioni tra i supporti, i leganti e le soluzioni fotosensibili.
Il carattere pratico del seminario permetterà di rendere conto empiricamente di come i principi proposti agiscano nella realizzazione di una stampa. Ai partecipanti verrà inoltre fornita una breve dispensa con le indicazioni tecniche di base e una bibliografia per ulteriori approfondimenti.

PER PRENOTAZIONI E INFORMAZIONI: cavalieri.click@gmail.com – tel.3358175213

PROFILO BIOGRAFICO DOCENTI:
ROBERTO MONTANARI
Sono nato  a Sestri Levante, dove vivo e lavoro . Mi sono appassionato alla fotografia all’inizio degli anni ottanta, dedicandomi particolarmente al bianco/nero. Intorno alla metà degli anni novanta mi sono avvicinato ai “primi sguardi” della fotografia e, affascinato dalle possibilità creativo/espressive e dalla manualità racchiuse nelle antiche tecniche di ripresa e di stampa, ho iniziato a praticarle, in particolare il foro stenopeico, fotoceramica, il Van Dick, la gomma bicromatata.  Nel 2004 sono entrato a far parte del gruppo Rodolfo Namias e nel 2006 con Lanfranco Colombo ho dato vita al festival della fotografia “Sestri Levante – Una penisola di luce”, giunto nel 2012 alla sesta edizione.   Amo il reportage, sia che si tratti di pura documentazione che di quello che vuol proporre attraverso la visione di situazioni, luoghi o eventi, riflessioni più intime, spesso personali. E per comunicare i miei pensieri ed emozioni, per aumentarne la profondità, per trasmettere con forza le mie sensazioni utilizzo spesso, la tecnica della gomma bicromatata. Cerco di coniugare un certo stile “moderno” che ho nel modo di vedere con la tecnica antica che mi permette, attraverso “gomme multiple” di ottenere matericità e a restituire profondità e resa tonale e sovente un certo senso di mistero.

PIETRO REPETTO
Mi sono laureato in Conservazione dei Beni Culturali presso l’Università di Genova con una tesi sulla conservazione e il restauro della fotografia e, a furia di leggere ricette fotografiche, ho iniziato da autodidatta a sperimentare la stampa fotografica con le tecniche ottocentesche (cianotipo, carta salata, van dick, gomma bicromatata, ambrotipo). Ho svolto  stage e lavorato presso diversi operatori della conservazione della fotografia pubblici e privati, come l’archivio fotografico del Comune di Genova, l’archivio Publifoto di Genova, il Département des restaurateurs de l’Institut National du Patrimoine di Parigi, lo Studio Berselli di Milano. Nel 2008 ho ideato e diretto il laboratorio “Senza l’argento” (laboratorio divulgativo per mostrare e far sperimentare praticamente al pubblico la realizzazione di stampe fotografiche con tecniche storiche), nell’ambito del Festival della Scienza 2008 a Genova. Attualmente lavoro come operatore cinematografico e, ogni tanto, tengo qualche workshop con Roberto

Conversazioni Fotografiche – Roberto Montanari

“La voce del mare”

Montanari_02

Montanari_01

L’autore scrive: “Il mare profondo, maestoso, dolce, violento, immenso e che con i suoi colori, con la sua forma e la sua luce sempre diversa ci parla della nostra vita, dei nostri sogni, dei dolori e delle gioie della nostra anima.”

“La voce del mare” sono immagini realizzate con la tecnica della gomma bicromatata, nata nell’800, e che fa pensare a raffinate litografie o acqueforti o disegni acquerellati. Montanari ci sorprende con l’uso di questa tecnica che necessita di tempi lunghi e permette di ottenere immagini del mare senza tempo, situate tra realtà, fantasia e ricordi. La tecnica della gomma bicromatata è una delle antiche tecniche che, per la possibilità di esiti così eleganti ed espressivi,  è destinata a rimanere nel patrimonio della fotografia di ogni tempo.